Ancora

Ancora questo rantolo

nell’anima che

soggioga l’espressione.

Ancora questo fetore

di coscienza che

lucido e gelido marmo

sopprime il desiderio.

Ancora questa rivolta

silensiosa dell’essere

spegne le note interriori.

 

marinaoddone – immagine dal web

Pubblicato in poesia | Lascia un commento

L’amore

L’amore che cerchi

l’amore che piange

quello dolce tenero innocente.

L’ultimo bacio

di un ricordo  lontano

sfogliando i petali

di un fiore.

Esiste e scompare

nel destino irriguardoso

ma resta impresso

come un cuore

inciso su un albero.

 

marinaoddone – Adobe Stock

Pubblicato in poesia | Lascia un commento

Illusione

Il confine dell’illusione

è nel crederci

ma poche volte

si avvera.

Allora ti senti defraudata

da sogni, parole e

richiami impossibili.

Ogni cosa ti appare

come un vento sbandato

che rivoluziona ogni sentimento.

 

marinaoddone – La Mente è Meravigliosa

Pubblicato in poesia | 1 commento

Occhi di bimba

Gli occhi di
una bimba
scorrono nella
grana del tempo.
Tenebre e luce
sfilano in parata
nascondendosi al
suo sguardo.
Curiosi si soffermano
sulla luce riflessa
nell’acqua.
Dove la sua figura
è un’immagine
che non le appartiene.

oddonemarina – NonFaRidere.it

View original post

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

Giorni sereni

Senti la ragionevolezza

che  esplode

accantonando la rabbia

che ti accompagnava.

Un soffice percorso

dove l’ascolto

è una cascata cristallina.

Che bisbiglia al tuo cuore

la tranquillità

di giorni più sereni.

 

marinaoddone – Valle Vetrova (TriptAvisar)

Pubblicato in poesia | 2 commenti

Gli angeli del coronavirus

Impossibile restare fermi

attimo dopo attimo

l’umanità ti chiede aiuto.

E noi incapaci di capire

impreparati con lacrime secche

cerchiamo di donare almeno il cuore.

Sacchi bianchi con o senza maschera

le tute che stringono

oltre il dolore dell’anima

quello fisico e mentale.

Telefonate mute dove

le parole non osano dire

in questa fabbrica di morte.

Paura di tornare a casa

l’insonnia compagna di

quei giorni e l’intensità

del lavoro come in un

girone dantesco che

non chiude mai.

Ancora storditi malati

e morti, chi rimane è

come un reduce di guerra.

 

oddonemarina – Corriere della Calabria

 

Pubblicato in poesia | 3 commenti

Sereno il tuo passo

Denso il ricamo

del bosco, dalle note

festose di forte vitalità.

Sereno il tuo passo

nella seducente vegetazione.

Aromi primitivi

salgono alle narici

espandendosi in te.

Ricchezza di natura

poche gocce che

rinfrancano.

 

oddonemarina – Amazon.it

 

Pubblicato in poesia | 2 commenti

Sensazione del vuoto

Tempesta fuori
tempesta nel cuore
che non trova il sentiero.
Scorre la sua acquosa
sensazione del vuoto
pernicioso.
Dove il tuo sorriso forzato
o i tuoi occhi dimenticati
vagano dentro di te
senza risposte.
Rosei momenti ti solleticano
non riuscendo a ricostruire
quella linea sfalsata
che non riesci a seguire.

oddonemarina – Vivere più sani

View original post

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

Le briciole giacciono

Cuore in frantumi

che non reagisce più.

Non è poco amore

ma un vuoto che

raccoglie fiori

appassiti degli

anni in cui tutto

era vero.

Il tuo sorriso

le tue carezze

tutto nella fredda

stanza dove le

briciole del cuore

giacciono.

 

oddonemarina – immagine web

Pubblicato in poesia | 2 commenti

Sentire

Scordare quel che

c’è in me

accompagnato dal vuoto.

Scorrere e fluttuare

nella ricerca forse

ancora possibile di

anime sincere.

Bianco e nero

l’immagine del

sentire fra queste

mani fredde.

 

oddonemarina – immagine web

Pubblicato in poesia | 7 commenti